Il bagno turco può avere alcuni benefici sul nostro corpo. L'effetto del vapore che arriva sulla pelle: la quantità maggiore, rispetto all'acqua contenuta nell'epidermide, apporta calore al nostro organismo, che a sua volta viene espulso attraverso la sudorazione.
Grazie alla dilatazione dei pori e alla sudorazione la pelle si deterge, pulisce in profondità: le tossine, cioè il sodio, l'alcool, la nicotina, il colesterolo, i metalli e tutte le sostanze "tossiche" per la nostra salute, vengono eliminate e la nostra pelle risulterà quindi più sana e lucida.


L'alternanza caldo e freddo è una ginnastica vascolare, che migliora la circolazione sanguigna, per effetto di una vasodilatazione diffusa.
Il calore si espande e attraversa i vasi sanguigni, attenuando le sensazioni di dolore e costituendo un ottimo deterrente contro tutte le malattie infettive.
La vasodilatazione prodotta da questo calore permette anche la reattività del sistema immunitario e linfatico. Una o più sedute di bagno turco sono un efficace rimedio per l'acne, le dermatiti, i dolori reumatici, le malattie veneree e tutte le infiammazioni delle vie respiratorie.
Il bagno turco inoltre, riduce lo stress e, oltre ad avere un effetto tonificante sul nostro corpo, ha un influsso positivo sul sistema nervoso.
E' capace di migliorare il metabolismo, aumentandone la velocità e rendendo più facile il dimagrimento, può curare il raffreddore perchè decongestiona le mucose e facilita l'espulsione del muco in eccesso.

LE CONTROINDICAZIONI DEL BAGNO TURCO
Il bagno turco, attenzione, però, pur essendo un trattamento benefico nella maggior parte dei casi, può causare delle controindicazioni a causa del brusco passaggio dal caldo al freddo, in chi soffre di disturbi cardiovascolari o arteriosi, o di ipo o ipertensione, o ancora in chi soffre d'asma o è affetto da malattie renali. Il bagno turco è sconsigliato nei mesi immediatamente successivi ad episodi di flebotrombosi profonda o superficiale, se ne sconsiglia inoltre l'uso alle donne durante il ciclo mestruale e durante i primi tre mesi di gravidanza.
Pertanto, si raccomanda, una visita medica prima di iniziare a frequentare un hammam.

La talassoterapia sfrutta i benefici elementi disciolti nell'acqua di mare , che contiene tutti i principali elementi presenti in natura , compreso il sale . La salinità varia a seconda della provenienza dell'acqua marina. Negli oceani la salinità, pur differenziandosi in relazione alla latitudine ed alla stagione, è del 75 per 1000; la concentrazione diminuisce in presenza di acqua dolce e in vicinanza dei fiumi . Nel Mar Mediterraneo essa è compresa tra 36 e 39 per 1000. Vi è analogia fra la composizione del plasma sanguigno e quella dell'acqua di mare. Entrambe contengono anche numerosi gas disciolti fra cui l'ossigeno, l'anidride carbonica e l'azoto. recandosi in vacanza al mare si può beneficiare del clima marino, con la sua aria ricca di iodio per fare della climaterapia, delle sabbiature e della balneoterapia, per sfruttare i benefici dell'acqua di mare sulla nostra pelle per curare dermatiti e malattie della pelle. Il sistema cardiocircolatorio trae beneficio dall'alternanza di bagni caldi e freddi nell'acqua marina.